Archivi tag: soia

Il pollo in soia di Francesca

In una dieta come la mia tanta differenza la fa la gestione fuori casa  e io devo dire di essere molto fortunata in questo.

Famiglia, fidanzato e amici mi aiutano molto sia materialmente a prepararmi piatti che posso mangiare, sia a non farmi sentire a disagio!

Tra queste persone c’è sicuramente la mia amica Francesca, con la quale condivido un’amicizia praticamente ventennale.

Mamma di 3 figli e ottima cuoca.

Le piastrelle di casa di sua mamma ancora ricordano gli spaghetti lanciati, da uno dei suoi pretendenti, per verificare lo stato di cottura.

Sempre in quella casa ricordo le cene serali con i suoi genitori dove sua madre cucinava come se fosse Natale e suo padre inevitabilmente mi proponeva vino nonostante io sia astemia. Le chiacchierate con lei e suo padre mezzi nudi per il caldo o per comodità.

Lei che è una delle mie fan più accanite del mio tiramisù, tanto da chiedermelo per cene e feste; lei che insiste nel dire che come impiatto i salumi io non lo fa nessuno; lei che dice che mangio come un canarino.

Lei che ora ha come bigino da cucina la Parodi perchè spiega bene e fa piatti facili e veloci o che usa la cucina come gioco con sua figlia Silvia.

In uno dei nostri pranzi nella sua casa attuale mi ha cucinato questo pollo gustoso e diverso dal solito.

Così ve lo ripropongo.

Ingredienti per 2/3 persone:

400 g di pollo

40 ml di soia

farina (io senza glutine) q.b.

Procedimento:

Tagliamo il pollo a cubetti, strisce (come preferite e vi è più comodo) e li infariniamo, intanto scaldiamo un pochino di olio di girasole  nella pentola e appena pronto buttiamo il pollo, lo cuociamo a fiamma bassa fino a farlo dorare a questo punto aggiungiamo la soia e facciamo cuocere ancora per una decina di minuti e il piatto è pronto.

Il condimento a vostro piacere.

La prossima volta provo ad aggiungere o dei pinoli o delle mandorle.

 

 

foto

Annunci

Tris

Ho scoperto, facendo questa dieta, che delle cose più difficili da fare, soprattutto se non sai cucinare, è inventare dei piatti o delle torte.

Avere delle idee, provare ad abbinare dei gusti, dei sapori; così provo a giocare.

Purtroppo non sono io la creativa di famiglia, ma bisogna sapersi lanciare, tanto è qualcosa che mangi solo tu e questo è rilassante, è il pro della faccenda; il contro è che, se fa schifo, ti tocca buttare tutto!

Ho scoperto un mondo di farine a cui non avevo fatto caso prima d’ora.

Ingredienti:

3 uova

50 g di farina di soia (io l’ho comprata in negozi bio)

150 g di farina bianca senza glutine

100 g di farina di nocciola

50 g di margarina vegetale

1 cucchiaio di stevia

mandorle sgusciate a petali

latte di riso

1 bustina di lievito cremor tartaro

crema di nocciola

Procedimento:

Scaldiamo il forno a 180°.

Mettere in una ciotola tutte le farine e il lievito e mischiare, sbattere in un’altra ciotola le uova con lo stevia. Intanto far sciogliere la margarina sul fuoco. Uniamo il tutto continuando a mescolare con lo sbattitore, possiamo aggiungere un pò di latte per far rimanere l’impasto morbido.

Spolveriamo la torta con le mandorle e inforniamo per 30 minuti.

Nel frattempo sciogliamo con un pò di latte la crema di nocciola che ci servirà come farcitura.

Una volta che la torta è pronta aspettiamo che si raffreddi per poterla farcire, la tagliamo a metà, spalmiamo la crema e richiudiamo la torta che a questo punto è pronta.
IMG_7082                IMG_7085

Un pugno a me, uno alla pentola!

Voi sapete pesare il riso? io no!

Ci provo in tutti i modi, il classico piatto, il bicchiere, la pesa e poi ho seguito il consiglio di un amico ligure:

“Facile, per dosare il riso devi contare un pugno per te e un pugno per la pentola!”

Niente, viene sempre un pentolone di riso, allora dipenderà dalle manine sante di ognuno di noi caro amico mio!

Per questa ricetta ho fatto prima la famosa prova del pugno e poi l’ho pesato e alla fine ho scoperto che i miei due pugni sono circa 100 g di riso che sono circa 3 pozioni!

E’ un passo avanti a 32 anni!

Il piatto che ho preparato è semplice, veloce e può essere mangiato a temperatura ambiente, ideale per chi magari si deve portare la classica schiscetta come me! se non sapete il significato di questo termine scrivetemi, magari nasce una bella discussione!

 

Ingredienti:

100g di riso basmati

80g germogli di soia

80g piselli

80g carote

1 o 2 scatolette di tonno (ma secondo me ci stanno benissimo i dadini di prosciutto cotto)

1 uovo

 

Procedimento:

non avendo con me la pentola wok che uso per fare il risotto, ho fatto bollire , alla classica maniera, il riso in un pò di brodo (dado senza glutammato)  e a parte ho fatto saltare tutti gli ingredienti, una volta che il riso si è cotto ho unito tutto in una pentola.

A questo punto ho sbattuto l’uovo mescolando il tutto.

Dovrebbe ricordare un risotto cantonese!

 

 

IMG_7195