Archivi tag: emanuele

LA SCUOLA DELL’INFANZIA : 2. IL PERIODO NAIF.

pareo-baliblue-canga-pantanal-naif-0

Cosa fosse un PEI non lo sapevo, né lo so perfettamente nemmeno ora.
Sta di fatto che di anacronismi da quando ho conosciuto questa serie di lettere ne ho partoriti molti senza mai dare troppo peso al senso letterale della definizione.

Piano Educativo Individualizzato: suona malissimo! Appare di dover scendere su un campo di battaglia per un personaggio maleducato e poco integrato.

Comunque…

Il piano per Emanuele era semplicissimo : strutturazione della lezione sulle possibilità di interazione del bambino.
Qualcuno potrebbe pensare e dire che succede sempre così, che questo è il PEI… peccato che ci si dimentica di aggiungere (post verifica sul campo) … almeno dovrebbe!

Come si può interagire con un bambino che si muove poco, che non parla, che non cammina, un pochino cecato? Beh!… noi avevamo Antonella e Paola e Vi auguro la stessa fortuna.

Quando Emanuele arrivò alla scuola materna eravamo agli albori della comunicazione e interagiva con il si e con il no utilizzando la direzione dello sguardo verso due cartelli che citavano i due lemmi (poi apriremo, se vi garba, un capitolo a parte su questi fondamenti della scelta).

Aveva dei movimenti residui alle braccia non proprio finissimi, amava ascoltare le fiabe, amava colorare (alla sua maniera) e altrettanto amava le canzoni sugli animali: le lezioni vennero improntate, quindi, sui suoi interessi e sulle sue possibilità, per l’appunto, di interazione.

Fu un periodo molto ‘zoologico’ e divertente: c’era la tartaruga che sfrecciava a testa in giù, la coccinella sul go kart con relative schede, in formato A3, da colorare e fiabe di pettirossi e balene.
Credo che fu anche quello, il periodo, in cui Emanuele elevò a semidio Steve Irwin, per poi passarlo nella sezione dei degni di santificazione nel momento della sua morte avvenuta qualche anno fa, ma fu anche, contestualmente, il periodo della funesta scoperta, per la vita famigliare, della sintonizzazione dei canali televisivi satellitari su: Animal Planet… per ore!

Emanuele più che colorare strisciava i suoi pugnetti sul foglio dopo che un compagno o la maestra li aveva intinti nel colore.
Su sollecitazione dell’insegnante o del compagno, Emanuele, si irrigidiva fino a far scorrere il pugnetto sulla carta: quando la macchia era circoscritta alle sole maniche sapevamo che la facilitazione era della maestra mentre se l’estensione andava fino alle calze sapevamo che l’intervento era di un compagno.
Opere d’arte rallegrarono la nostra casa e mezzi sorrisi, anche perché e’ questo il sorriso di Emanuele (ossia il sorriso della sua parte destra del viso con relativa fossetta di eredità paterna) furono dispensati a go-go.

Fu questo, quindi, il periodo naif di Emanuele in cui i suoi maglioni erano arcobalenizzanti e lui ne era felicissimo.
La mamma?.. Anche! Ma la lavatrice la cambiammo poco dopo.

Annunci

Il favoloso mondo di Amelie

amelie

Bel film, non credi? Eppoi ha un suono favoloso nel citarlo… * sospiro*
Sicuramente lo preferisco all’albero degli zoccoli!

Nella mia giovinezza quando, appena maturandi, ci si incontrava al bar (e le serate non erano abbagliate dallo sfregamento su un monitor da 5 pollici) si parlava, si discuteva e si cercava di darsi un tono di profonda conoscenza e preparazione citando i film che scorrazzavano nelle sale cinematografiche.
Uno di questi era proprio l’albero degli zoccoli.
Se non lo conoscevi, ma soprattutto apprezzavi, eri tacciato di ignoranza e incapacità introspettiva e di analisi.
Ero un campione…di ignoranza per quei tempi.
Sarà stato che preferivo “animal house” e il seguente “the blues brothers” ?

Comunque sia, quella pellicola, non mi ha mai detto nulla di così… speciale.

Stamani, una piccola regista, mi chiama al telefono e con voce concitata mi urla : “ Papi, guarda…sono disperata! Ho cercato in ogni angolo remoto della casa e non trovo il carica batterie della mia macchina fotografica, aiutami perché potrei diventare isterica! ”

A parte la citazione “angolo remoto” che già mi scompinquava l’ordine metabolico per la padronanza lessicale di una bimba di 10 anni appena compiuti, mi domandavo quale fosse la motivazione di cotanta urgenza.
Non l’ho chiesto (anche perché non mi fu dato atto di rispondere), ma ricevetti poco dopo quel che segue a questo lungo prologo.

Dovete sapere che esiste una associazione di settore chiamata “coldiretti” e la contrattura nascosta nella dizione la dice lunga : coltivatori diretti.
Bene! Da ora si potrebbe istituire un altro tipo di associazione : la col-indiretti.
La dizione “indiretti” nasce perché , per ottenere il risultato, si sono dovute applicare e strutturare strategie di collaborazione e integrazione.
Per nostra fortuna abbiamo un folletto ad idrocarburi (vedi post precedenti) che ha applicato tali strategie e, per questo specifico caso, in aggiunta, ci siamo dotati anche di un abbonamento a vita per le riparazioni degli aspiratori casalinghi (ma questo è un dettaglio).

Ricordate il caschetto per dipingere a cui era stato scotch-ato sulla sommità un pennello?
E il cono per riempire il barattolo di vetro con il sale colorato?
E se al posto del pennello ci mettessimo un imbuto? Ma non imbuto tradizionale che lo trovi ovunque, ma uno piccolo (il giusto piccolo) il cui ritrovamento è stato paragonabile alla ricerca del sacro graal ? che si ottiene?
Questo!

 

IMG-20140708-WA0018IMG-20140708-WA0020

Aggiungiamoci qualche ingrediente :

 

IMG-20140708-WA0019

 

Tanta pazienza e emozione (qualcuno commozione) :

 

IMG-20140708-WA0011

 

qualche acrobatico aiuto:

 

IMG-20140708-WA0016IMG-20140708-WA0015

 

IMG-20140708-WA0006

Poi la semina :

 

IMG-20140708-WA0001IMG-20140708-WA0010

Con susseguente hola da stadio e avere questo :

 

IMG-20140708-WA0005IMG-20140708-WA0002

e anche questo (ma fa sempre parte dei dettagli) :

 

IMG-20140708-WA0004IMG-20140708-WA0003

In questo post esageriamo e ci mettiamo pure un link video (anti scettici) :

 

 

Bhè… che dire ..la citazione di Disney è fondamentale : If you can dream it, you can do it.

 

PS : mi rimane il terrore di quando il coltivatore indiretto dovrà innaffiare l’orto, battezzato “l’orto di Emanuele”.. forse meglio che amplifichi la copertura assicurativa di casa, ma anche questo è pur sempre un dettaglio.

 

Ciao

le buone prassi..

danno ottimi risultati. Logico!

 

20110706030309_svilup

 

Probabilmente qualcuno protrebbe confondere “danno” (verbo) con “danno” (sostantivo), ma in questo caso “danno” è proprio inteso come verbo… e che verbo!

Premessa : ho avuto il piacere , insieme al mio braccio destro (figuratamente nè!… il mio braccio è sempre attaccato alla spalla.. qui mi riferisco ad una persona che è colonna portante della nostra associazione e che,per rispetto alla privacy, debbo mantenerne in riserbo l’identità …ah!…ciao Davide!) di essere accolto in terra sarda un paio di settimane fa presso la sede di abc Sardegna e di conoscere personalmente (prima solo epistolarmente) il cuore pulsante di questa associazione. Proprio in quella sede, insieme ai vertici sardi della associazione x fragile si parlava di : le buone prassi.

Parlare di buone prassi è ,come accennavo ,abbastanza facile. Esiste una logicità talmente banale che sembrerebbe quasi inutile discuterne. Il problema è che questa logicità sembra percepita solo da chi ne parla a livello associativo e ancor più, nel minimalismo, percepita dalle famiglie che vivono il problema ,ma  questo “pensare” (ma soprattutto AGIRE) viene abilmente e diabolicamente deviato da chi dovrebbe legiferare a livello ministeriale.

Che succede quindi? Che abbiamo disparità a livello regionale e non intendo disparità di piccola entità…ma disparità a livello macrospopico… ergo : credo che chi legifera abbia preso il lemma “danno” proprio come se fosse un sostantivo : che tristezza!

ndr : il passaggio da tristezza ad arrabbiatura (il termine più consono è un’altro e molto prossimo ad una ben precisa zona del corpo maschile) da parte delle famiglie che vivono la diversabilità ha un confine molto,ma molto sottile.

..ed è così, che visto la “furba ipoacusia” dei ministeri che occhieggiano verso diminuzioni di pensioni (di invalidità e di accompagnamento)  e aumenti di età pensionabile (volete dire che fu un refuso e l’idea del legislatore fosse inversa? Volete dire che magari, distrattamente, in firma non si accorse di tale refuso?) le associazioni si muovono, ottengono risultati e cercano di far rispettare quel poco che c’è.

Ma esiste un’altro sommerso mondo che si muove e che, pudicamente, schiaffeggia l’incredulità riportando una ventata di ottimismo e di commozione. Non ha avuto bisogno di input particolari e nemmeno di standing ovation di ringraziamenti.. ha agito.

Ha agito pensando che fosse un nulla, pensando che non fosse atto dovuto,ma segno di amicizia.. fermandosi lì.

La verità è che , agli occhi dello scrivente che nulla è, non è stato gesto da poco e tantomeno che il suo significato sia stato banalmente confuso.

Credo che il link del video che proporrò farà sorridere molti,ma confido nell’emozione di altri che sanno cos’è il vivere, il vivere intensamente, che non confondono una canzone con una semplice goliardia, che non confondano il compleanno come una tacca raggiunta nella speranza di apporre la prossima, che conoscano la realtà dell’educazione oltre la soglia di casa e che si chiama senso civile e che si traduce in integrazione in “anch’io esisto”.

Quel che è accaduto in quest’anno scolastico al piccolo principe sa di magico, sa di speranza e oltre alla speranza ha la presunzione di affermare che si, l’integrazione scolastica esiste e parte dal basso. Non parte da istituzioni blasonate e nemmeno da professori altezzosi e increduli.

E’ partita dai compagni di classe che hanno capito e volevano capire, che hanno richiesto le modalità di comunicazione utilizzate, che hanno saputo moderare i toni di voce, che hanno sopportato il caldo per non disturbare un fattore fisiologico. E’ partita da professori umili che hanno creduto, che sono stati capaci di emozionarsi e di ricredersi, che hanno adattato un freddo PEI trasformandolo da semplice programma a lezione di vita.. per i loro alunni, per loro stessi, trasformando questa esperienza in tesoro interiore.

E’ la sinergia costruttiva tra le varie forze in gioco che ha permesso di ottenere un successo in un liceo scientifico delle prealpi varesine.. è stata la caparbietà e la timida sicurezza degli educatori affiancati agli insegnanti curricolari che hanno permesso questo grande passo. Si, un grandissimo passo in avanti.

Nel mare che è, figuratamente, il nostro paese è pur vero che potrebbe apparire poca cosa, ma il mare è costituito da gocce ..e questa goccia pesa quanto un mare.

Perciò, a nome di questa associazione e a nome delle famiglie che vivono la diversabilità gravissima mi onoro di portarvi un grazie ai ragazzi compagni di classe, un grazie ai professori e ai professori di sostegno, un grazie agli educatori.

ed ora il link del video (parte del video…la risoluzione è da cellulare,ma qui importa il significato) :

http://youtu.be/yRI7CDwSRT8

A presto (seguiranno foto)