Archivi categoria: News

Involtini di carne

Buongiorno

ieri sera ero al supermercato intenta a pensare cosa preparare per cena, quando poi ho visto queste bistecche sottilissime di pollo e ho avuto l’intuizione di farci degli involtini.

Un modo diverso di mangiare la carne, soprattutto per me che mangerei solo primo!

 

Ingredienti:

1 confezione di carne tagliata sottile

3 zucchine

formaggio senza lattosio che fila (io ho usato delle sottilette)

 

Preparazione:

Accendere il forno a 180°.

Cucinare le zucchine in padella, stendere la carne in una teglia e aggiungere il formaggio della quantità giusta per la fettina di carne, quindi le zucchine appena pronte e arrotolare la carne, mettendo la chiusura sotto in modo che non si possa aprire durante la cottura.

Cuocere per 20 minuti e taaaaaaaaaac il piatto è pronto.

IMG_3222

 

Annunci

Considerazioni di una mamma……

 

keep-calm-and-eat-merenda

Ieri è iniziato il campo estivo in oratorio. Ho iscritto i miei due figli più piccoli per mezza giornata su loro richiesta. La mattinata è stata un susseguirsi di agitazione mista a paura sopratutto da parte del più piccolo… comunque alla fine è arrivato il momento di accompagnarli… baci abbracci e viaaaa.

Rimanendo a casa mi sono goduta la pace e il silenzio pensando ogni tanto ai miei due pargoli e alla loro avventura.

Viene il momento di andarli a prendere…arrivo all’oratorio e non vi descrivo il caos di macchine parcheggiate persino sui lampioni pur di essere il più vicino all’entrata dell’oratorio; daltronde si sa che due passi a piedi UCCIDONO.

Entro in oratorio,  aspetto la fine della preghiera e poi…una marea di ragazzini vocianti rompono le righe…che bellooo, che vita!

Mentre cerco di capire dove sono mimetizzati i miei figli saluto qualche mamma.

Alla fine mi vedono e mi raggiungono e finalmente torniamo a casa. In macchina fanno a gara per raccontarmi com’ è andata ma la mia mente resta ferma alla descrizione della merenda : lo so sono fissata!

Non faccio commenti anche perchè avevamo pattuito che il primo giorno potevano prendere quello che volevano rispettando il budget.

Io sono come un motore diesel, elaboro di notte e poi di giorno focalizzo.

 

images

 

Ma benedetta gente spiegatemi perchè a scuola si insegnano scienze alimentari, si istituisce il frutta day e poi alle medie ci sono i distributori automatici, al bar dell’oratorio (sempre aperto) si vende di tutto e di più che non si avvicina minimamente al concetto di sano e naturale??!!

Questa lunga premessa mi serve per introdurre ciò che mi sono prefissata di postare un pò alla volta su questo blog…naturalmente sull’alimentazione pro e contro …

Spesso ripeto ai miei figli (tutti) che si mangia per vivere e non si vive per mangiare…frase pesante vero? Ma fa parte di un’etica che spero di riuscire a spiegarvi.

Vi auguro una buona giornata.

 

images1

Crostata senza zucchero

Mercoledì sera, felice per le vacanze arrivate,  mi è venuta voglia di preparare una crostata per le nostre colazioni da camperisti!

Tommy adora i lamponi e quindi la marmellata, a casa avevamo della farina di grano saraceno e così mi sono messa al lavoro, peccato che quando ho finito di impastare e di mettere il tutto nella forma da infornare, mi sono ricordata di non aver messo nessun tipo di zucchero, sciroppi…ormai troppo tardi ho infornato così e il risultato è stato ottimo!

 

Ingredienti:

90 gr di farina di grano saraceno (senza glutine)

150 gr di farina di mais

40 gr di farina bianca senza glutine

2 uova

100 gr di burro (esiste senza lattosio o potete usare l’olio di girasole)

1/2 bustina di agenti lievitanti

marmellata di lamponi per farcire (100% frutta senza zuccheri aggiunti)

 

Preparazione:

Accendere il forno a 180°.

Mischiare le farine e gli agenti lievitanti, intanto sciogliere il burro, inserirlo nell’impasto e aggiungere infine le uova, usare lo sbattitore in modo che l’impasto si spezzi e diventi grumoso a quel punto finire di impastare con le mani e far diventare il tutto una palla da stendere; questa volta ho usato un cucchiaio  per stendere l’impasto direttamente nella forma, ognuno trova i suoi metodi più veloci e facili 🙂 !!

Farcire con la marmellata e se avanzato dell’impasto fare le classiche righe sopra la crosta, oppure potreste fare dei piccoli biscotti da farcire sempre con la marmellata.

Infornare per 35-40 minuti.

 

 

 

Uova alla greca

Ieri sera sono venute a cena due amiche che mi avevano richiesto un piatto fresco e veloce come l’insalata greca, cosi mentre cercavo tutti gli ingredienti per viziarle per bene , mi è caduto l’occhio su questa ricetta; ho pensato che poteva essere una bella abbinata e cosi il giorno prima mi sono messa all’opera facendo la spesa e cucinando il peperone (che richiede un pò di tempo).

Secondo me la ricetta è facilmente variabile alle proprie esigenze e/o diete!

Ingredienti:

Feta 80 g

Acciughe (alici) 6/8 filetti

Uova medie 4

Olive verdi una decina

Peperone rosso 1

Preparazione:

Per preparare le uova alla greca iniziate lavando e asciugando il peperone  quindi adagiatelo su di una teglia e infornatelo per circa 30-40 minuti a 250°, rigirandolo di tanto in tanto fino a che la pelle non sarà ben abbrustolita. Una volta abbrustolito, chiudetelo dentro una ciotola coperta con la pellicola trasparente per circa 15 minuti, sarà più facile dopo togliere la pelle del peperone. Avendolo fatto la sera prima l’ho poi messo in frigo e tirato fuori ieri sera mentre preparavo il resto.

Ponete a bollire le uova fino a farle diventare sode (circa 8 minuti) .

Intanto mettere in un frullatore il peperone, le olive, le acciughe e la feta e fatele diventare un impasto morbido.

Quando le uova saranno pronte raffreddarle, per velocizzare questa operazione scolatele e mettetele sotto l’acqua fredda per qualche minuto; a questo punto sgusciatele , tagliatele a metà per il lungo e privatele del tuorlo molto delicatamente.

Amalgamate bene tutti gli ingredienti e riempite le cavità delle uova sode con il composto ottenuto .

Noi le abbiamo accompagnate a verdura cruda e insalata.

foto 1foto 2

Rotolo o fagottino?grazie Buitoni!

Sabato mi sono gasata con l’idea di fare una lasagna di radicchio e olive taggiasche, cosi vado al super mercato e….ovviamente non hanno la pasta per lasagna senza glutine!!!

Mi cala un momento di sconforto: perchè deve essere difficile trovare prodotti senza glutine, senza lattosio…insomma senza?! siamo ormai nel 2016 è evidente che esistono intolleranze o allergie alimentari.

Così inizio a vagare pensando all’alternativa e nei prodotti frigo la pasta sfoglia mi acchiappa, mi calamita lo sguardo perchè si ho letto e riletto e ho letto bene…la Buitoni ha prodotto una pasta sfoglia già pronta senza glutine, senza lievito e senza zucchero!!! e taaaaaac il sorriso mi riempie la faccia!

Posso preparare una torta salata, anzi “qualcosa di più sfizioso” suggerisce il fidanzato, un rotolo che assomiglia però più a un fagotto alla fine!

 

Ingredienti:

1 ciuffo di radicchio

200 gr di formaggio senza lattosio (io ho trovato delle fette già pronte tipo Emmental)

90 gr di olive taggiasche

1 uovo + 1 albume + tuorlo

Preparazione:

Accendiamo il forno a 200°.

Stendiamo la pasta sfoglia, io la bucherello sempre un pò.

Tagliamo il radicchio a pezzettini, tagliamo il formaggio, mischiamo con le olive-l’uovo e l’albume.

Mettiamo il preparato al centro della pasta e chiudiamo cercando di fare un rotolo, io avevo troppo preparato per poter fare un rotolo ben fatto, cosi ho chiuso l’estremità e ho cercato di sigillare con due fette di formaggio la parte sopra, spennellando prima con un tuorlo.

Inforniamo per 25/30 minuti.

 

 

 

Le frittelle quasi arancini

Non so se ci avete fatto caso, ma questo è il periodo dello zenzero!

Tutti sappiamo quanto faccia bene, quante proprietà abbia…il mio fidanzato ormai vive di tisane di zenzero e proprio lui mi ha girato questa ricetta che ho adattato!

lo so, lo so…queste frittelle sono fritte!

Sembrano un pò degli arancini per la consistenza…non è proprio un dolce leggero…

Ingredienti:

50 gr di farina senza glutine

50 gr di fecola di patate

1 busta di agenti lievitanti

100 gr di mandorle a granella

3 cucchiai di zenzero (è una menata grattuggiare quello fresco)

100 gr di riso

1/2 litro di latte di riso (che è già dolce e possiamo sopperire allo zucchero)

2 uova

sale q.b.

Preparazione:

Mettere in una pentola il 1/2 litro di latte di riso, il riso e aggiungere il sale; portate a ebollizione, poi abbassiamo la fiamma per far continuare la cottura per 20 minuti con un coperchio e mescoliamo spesso.

Quando pronto lasciamo riposare e mescoliamo tutti gli altri ingredienti, quando il riso è intiepidito aggiungiamo gli altri ingredienti e faccio un impasto unico.

A questo punto possiamo mettere a scaldare l’olio di girasole, appena pronto, buttare l’impasto a piccole dosi per friggerle.

foto

 

 

 

 

chiacchiere biscottose

Settimana scorsa ho tentato nella ricetta delle chiacchiere, più che altro perché la ricetta da copiare era per chiacchiere tonde.

Be visto il risultato ho postato la foto su facebook…e ho riso molto per il risultato: amiche che trovavano significati alle forme…come un orso sopra una luna tonda, alla fine hanno ragione loro: la fantasia è qualcosa di meraviglioso!

Il sapore di chiacchiere era un po’ lontano, ma come biscotti erano ottimi!

Ricetta velocissssssima, frolla leggerissima!

Ingredienti:

250 gr di farina senza glutine

25 gr di olio di girasole

8 gr di bustina di agenti lievitanti

70 gr di sciroppo d’agave

2 uova

1 di aroma al limone

Preparazione:

Accendere il forno a 180°.

Mescolare olio, uova, sciroppo d’agave e aroma di limone, poi aggiungere farina e agenti lievitanti; a questo punto l’impasto diventa grumoso è il momento di impastare a mano e farlo diventare una palla unica.

Quando abbiamo formato la palla possiamo stenderla e con un bicchiere fare le forme.

Inforniamo poi per 15/20 minuti al massimo. Se potete / volete spargete di zucchero a velo…io ho preferito lasciarli così!

Voi cosa ci vedete in queste chiacchiere biscottose?

foto

 

Pizza a ghirlanda

L’ispirazione me la faccio venire, ma devo dire che poi non è sempre facile adattare le ricette sulle mie necessità…

Come in questo caso…dove sono necessari dei tagli per arrotolare la pasta, ma la pasta non ti segue e si sbriciola…chissà se voi siete più fortunate/i di me?!

Però io dico che alla fine se è mangiabile è già un buon successo!

Ingredienti per pizza:

300 gr di acqua tiepida

300 gr di farina (io ho usato il mix di farina per pizza senza glutine)

1 busta di agenti lievitanti per pizza

1 cucchiaio di olio d’oliva

3 g di sale

Ingredienti per farcitura:

80 gr di pelati di pomodoro

80 gr di sottilette senza lattosio

una confezione di pisellini fini

1 hg di prosciutto cotto

1 mozzarella senza lattosio

1 uovo

1 cucchiaio di semi misti o sesamo

 

Preparazione:

Mischiamo il sale con la farina, sciogliamo la busta degli agenti lievitanti nell’acqua e impastiamo quando l’impasto è omogeno aggiungiamo l’olio.

Accendiamo il forno a 250°.

Ho imparato che con gli agenti lievitanti la pasta non deve essere lasciato riposare, non serve a molto.

Stendiamo la pasta in una teglia tonda e segnamo il centro, possiamo aiutarci con un bicchiere, e dividiamo il centro in 8 spicchi, serviranno poi per prendere ogni lato e arrotolarlo fino al bordo.

Tra il centro tagliato e il bordo stendiamo prima il pomodoro (e qui arriva la parte difficile, perchè la pasta sotto si bagna e diventa difficile arrotolare la pasta dal centro verso il bordo, si sfalda, si rompe, ma ho capito che se si fa un taglio più lungo è più facile arrotolarla) e poi mettiamo tutti gli ingredienti; a questo punto prendiamo tutti i lati tagliati e li arrotoliamo verso il bordo, creando così una ghirlanda.

Usiamo l’uovo per spenellare la ghirlanda e spolveriamo di semi.

Inforniamo poi per circa 30 minuti.

 

foto

Consiglio: per presentare meglio il piatto in mezzo, dove si è formato il buco, potreste mettere qualche cosa per decorazione, come mozzarelline, pomodorini.

 

Torta tiramisù con Lollo

Ormai come una casalinga incallita mi ritaglio un pò di tempo per vedere la solita mia trasmissione preferita di tutorial e taaac mi è venuta l’ispirazione per una torta da preparare per la cena di sabato con tutti gli amici!

Sabato ho preteso i miei nipotini per il pomeriggio, Lollo ha voluto aiutarmi a preparare la torta per la cena mentre Matte giocava a Uno con lo zio!

E’ bello averli per casa, vedere come crescono, la voglia di stare con me…

Con Lollo ci ho messo circa un’oretta per prepararla!

Ingredienti per circa 8 persone:

  • per pasta di pistacchio/nocciole/pinoli/mandorle

100 gr di pistacchio

40 gr di pinoli

60 gr di nocciole

100 gr di mandorle

60 gr di girasole

  • per la torta:

3 uova

5 tuorli

180 gr sciroppo d’agave

200 gr di farina di riso

1 bustina di agenti lievitanti

25 gr di fecola di patate

1 gr di sale

100 gr di pasta di pistacchio/nocciole/pinoli/mandorle

  •  crema di mascarpone

250 gr di mascarpone senza lattosio

250 gr di panna fresca senza lattosio

150 gr di pasta di pistacchio/nocciole/pinoli /mandorle

  • crema di cioccolato e caffè (io ho usato il decaffeinato ma potete anche non usarlo)

200 gr di acqua

2 tazzine di caffè

20 gr di sciroppo d’agave

15 gr di fecola di patate

120 gr di crema di nocciola (senza zucchero aggiunto)

2 gr di colla di pesce

25 gr di cacao

Preparazione:

Tritare pistacchio, mandorle, pinoli e nocciole fino e mischiarli all’olio di girasole e amalgamarli fino a farli diventare una pasta unica.

Accendere il forno a 180°.

Montare le uova, i tuorli, lo sciroppo d’agave e poi mischiamo la farina, le fecola, il lievito e il sale; a questo punto possiamo aggiungere il composto alle uova montate piano piano per farlo diventare un composto omogeneo e infine aggiungiamo  la pasta di pistacchio/nocciole/pinoli /mandorle.

Inforniamo per 30 minuti.

Intanto prepariamo le creme.

Io non me la sono sentita di buttare i 5 albumi ne avevo il modo di usarli nell’immediato per altro, così li ho utilizzati per fare la crema di mascarpone, li ho montati a neve e a mano a mano ho aggiunto il mascarpone, la panna e infine la pasta di pistacchio/nocciole/pinoli /mandorle. Ovviamente la crema non è più solida ma più liquida.

Prepariamo le 2 tazzine del caffè e le aggiungiamo all’acqua insieme al cacao, sciroppo d’agave e fecola e li portiamo a bollire (nel frattempo abbiamo messo la colla di pesce in acqua) quando è pronto aggiungiamo la crema di nocciola e infine la colla di pesce e lasciamo raffreddare.

Intanto che lasciamo raffreddare la torta possiamo mettere in frigo le 2 creme.

Non avendo una crema di mascarpone solida ho dovuto mischiare le due creme e quindi anche se la torta prevedeva 2 strati a quel punto ne ho fatto uno solo.

Quindi si taglia la torta a metà si mette la crema, si chiude la torta e si rimette la crema e sopra mettiamo l’ultima parte di pasta di pistacchio/nocciole/pinoli /mandorle e la mettiamo in frigo.

Torta pronta.

Consiglio: a me è avanzata della crema e la chicca è aggiungerla alla fetta quando la si mangerà!

torta

 

Torta per la zia

A Natale ho la fortuna di condividere le festività tra la famiglia del mio fidanzato e la mia.

Mia zia è sempre a dieta per motivi di peso ed è così felice che lo sia anche io per poter mangiare qualche dolce dietetico.

Cosi per il pranzo di Natale io ho pensato al menù dei “difettosi” come si dice da noi e quindi al dolce.

Ho voluto aggiungere una glassa anche qui per poter fare un disegno natalizio.

Ingredienti per torta:

150 gr di farina senza glutine

50 gr di farina alla nocciola

50 gr di farina di mandorle

2 cucchiai di marmellata di pere senza zuccheri aggiunti

2 pere

1 bustina di lievito

3 uova

100 gr di olio di girasole

1 cucchiaio di stevia

Ingredienti per glassa:

100 gr d’acqua

75gr  succo d’agave

40 gr di cacao amaro

5 gr di colla di pesce

Procedimento:

Accendiamo il forno a 180°.

Tagliamo le nostre pere a pezzettini.

Rompiamo le uova e mescoliamo con la stevia, aggiungiamo l’olio e mescoliamo, pian piano aggiungiamo tutte le farine e il lievito e infine ammorbidiamo con la marmellata.

Per ultimo aggiungiamo le pere e inforniamo per 40 minuti.

Intanto che la nostra torta si raffredda possiamo preparare la solita glassa, quindi scaldiamo i nostri ingredienti sul fornello aggiungendo la colla di pesce e portiamo a ebollizione.

Lasciamo riposare la glassa qualche minuto e poi possiamo versarla sulla nostra torta.

Anche per questa torta ho usato la penna in commercio per guarnine aggiungendo quà e là qualche cioccolatino a forma di tondo, facilmente toglibili se non si può sgarrare!!

torta pere