Tutti gli articoli di davidevassallo

Seminario “Alimentazione, Nutrizione e Disabilità”: ecco i video dell’evento!

Per chi non ha potuto partecipare all’evento di sabato 9 maggio 2015, a Milano, ecco i video di alcuni momenti del seminario “Alimentazione, nutrizione e Disabilità“.

La presentazione di Marco Sessa, presidente di A.I.S.Ac.

L’introduzione di Mauro Ossola, presidente di ABC Lombardia ONLUS.

E, soprattutto, alcuni passi dell’intervento di Manuel Dominguez, Direttore degli Istituti per l’Organizzazione Neurologica.

Il Progetto Convivio è realizzato da ABC Associazione Bambini Cerebrolesi Lombardia ONLUS e A.I.S.Ac. Associazione per l’Informazione e lo Studio dell’Acondroplasia, ed è co-finanziato da Centri di Servizio per il Volontariato, dal Comitato di Gestione del Fondo Speciale e da Fondazione Cariplo, ai sensi del Bando Volontariato 2014.

 

 

 

 

Annunci

Le paure del primo mese di scuola – Diario minimo di un genitore qualunque

Appunti di lavoro

Quando un bambino ti dice:

<<Cara Maestra,

non sono nato per stare seduto,

son piccolo, e ho nel cuore una tempesta,

all’idea di essere a scuola, un poco cresciuto>>

Lavoro a scuola

 

<<Si, ma sei nato per imparare!>>

Rispondi, tu.

Ma vuol forse dire: pazientare?

Accomodare? Accontentare?

Quante ‘are! Arriveremo a sbadigliare?

 

Le rime, poi, son troppo semplici,

è difficile esserne complici;

ma, ricorda, la sedia, l’abc, il (saltin)banco

stanco…

 

…se ti prende la mano

E dimentichi i gabbiani,

cosa copre il manto?

La fede nel domani

O un sogno infranto?

View original post

La strategia del “Locutore nocturno di Radio” – Una originale metafora per il rapporto di aiuto

Appunti di lavoro

Cara collega, capisco il tuo sgomento e la tua fatica.

Sono gli stessi che ho provato, spessissimo, anche io.

Nel rapporto educativo, molte volte, si ha l’impressione che quello per cui si è lavorato, per cui tanto si ci è spesi, sia caduto nel vuoto…nel vuoto di un istituzione sorda (che sia la scuola, la Comunità, il Centro XY) o nel vuoto apparente di alcune persone in difficoltà che ci piacerebbe tanto poter aiutare a crescere…

Come detto più volte, io ho non ho nulla da insegnare.

In questo momento, però, mi torna alla mente un consiglio che ricevetti tempo fa, parlando con un terapista della riabilitazione, e che ho sempre trovato utile: la “Strategia del locutore nocturno di Radio”.

<<Non sono sicuro si dica in questo modo, in italiano, voi come chiamate quelli che parlano alla radio di notte?>>, mi chiedeva l’amico terapista, di origini spagnole <<Comunque intendevo…

View original post 227 altre parole

Compiti per le vacanze

Appunti di lavoro

La scuola è finita…anche quest’anno è terminato…archiviato anche l’anno scolastico 2013/2014…

Di incipit ripetitivi ne avrei a disposizione a bizzeffe.

Non dovrei aver paura di stonare con l’ambiente anzi, in fondo, sarei anche coerente con uno dei punti di forza della scuola italiana: ripetere, all’infinito, gli stessi contenuti con la medesima formula.

Per i casi della vita mi trovo a ripercorrere l’intero cursus scolastico (dalla scuola elementare al liceo) a distanza di circa venticinque anni¹.

Umanamente è un’esperienza impagabile, mi ritengo fortunatissimo ad avere avuto quest’occasione. Professionalmente è spesso frustrante: più volte ho sostenuto che un quarto di secolo ha lasciato innegabili tracce d’invecchiamento sulla mia persona ma nemmeno una ruga sulla scuola.

Già, la scuola di oggi è quasi identica a quella di venticinque anni fa!

“Esagerato!”, ribattono colleghi e confidenti “e le riforme che si sono succedute in questi anni?! E le nuove tecnologie?! E la scuola dell’autonomia?!…”.

View original post 586 altre parole